Inchiesta delle Iene su Ama, U.Di.Con.: “Urge chiarire le responsabilità”

Comunicati Stampa

Roma, 6/11/2019 – “Quanto evidenziato da Le Iene è di una gravità inaudita – scrive in una nota il Presidente Regionale dell’U.Di.Con. Lazio, Martina Donini – la trasmissione ha provato come a Campo Boario, Testaccio, uno dei centri di raccolta di Roma, i cassonetti della differenziata vengano riversati indiscriminatamente negli stessi compattatori atti a contenere rifiuti indistinti. Comportamenti del genere da parte dei dipendenti vanno isolati e puniti severamente, si sprecano soldi pubblici e si mina quel rapporto di fiducia che dovrebbe essere alla base tra le istituzioni e i cittadini”.

Nel servizio di Filippo Roma, andato in onda ieri sera nel varietà di Italia 1, sono stati mostrati diversi spezzoni che riprendono lavoratori dell’Ama, l’agenzia che si occupa della raccolta e dello smistamento dell’immondizia nella Capitale, vanificare di fatto gli sforzi dei cittadini. Proprio in un momento storico in cui quello dell’ambiente è un tema quanto mai delicato.

In una sequenza, una telecamera è stata sistemata in corrispondenza di un compattatore e un’altra di fronte ai camioncini blu della raccolta differenziata; negli spezzoni successivi carta, plastica e vetro sono finiti nello stesso contenitore dove erano già stati riversati i rifiuti indifferenziati – continua Donini – l’amministrazione si è già dimostrata più che attenta nel multare quei cittadini che non hanno utilizzato sacchetti trasparenti, ci piacerebbe assistere alla stessa solerzia nel punire i propri dipendenti, colpevoli di un comportamento ben più grave e che si muovono in un lassismo generalizzato delle istituzioni – conclude Donini – abbiamo provveduto a segnalare l’accaduto e aspettiamo una spiegazione da parte del Comune e della sua controllata”.