Fake news: il nuovo trend della disinformazione. Semplici spunti per smascherarle

Progetto COVID-19

Fake news, termine inglese entrato ormai prepotentemente nel nostro linguaggio e nella nostra quotidianità. Le fake news o bufale sono notizie false deliberatamente diffuse con l’obiettivo di attirare l’attenzione su un contenuto verosimile tale da impressionare o addirittura condizionare e orientare l’opinione dell’utente.

I motivi sottesi alla loro creazione e diffusione sono principalmente personali, sociali, economici e politici.

L’informazione, attualmente, vede la sua massima estensione in internet e social network, strumenti di comunicazione indispensabili nelle nostre vite che garantiscono la fruizione dei contenuti alla totalità della popolazione, senza alcun filtro.

Proprio la mancanza di filtri è ciò che rende internet e i social media in genere, il principale veicolo di informazione ma anche disinformazione, rendendo le fake news un fenomeno online difficile da controllare. Naturale effetto è la condivisione compulsiva di queste notizie non lasciando spazio ad un’analisi approfondita circa l’attendibilità delle fonti.

Si rende così utile stilare delle semplici regole valide per riconoscere e smascherare le fake news:

  • Controllare il mittente, se la notizia viene diffusa da un account privato presente in un social, o la fonte e valutarne l’attendibilità;
  • Porre attenzione alla grafica, verificare foto e video, valutarne la veridicità;
  • Controllare l’URL nella riga del browser, talvolta l’unica differenza con le fonti accreditate è un trattino o un altro suffisso come .net invece di .it o .com;
  • Verificare sempre la data della notizia e se altri media l’hanno riportata. Se non vi sono altre fonti è molto probabile che la notizia sia falsa.
  • Diffidare dei siti che presentano troppi banner pubblicitari o siti di e-commerce in cui le recensioni di acquisto sono tutte positive.

 

Tuttavia le notizie false possono avere anche altri scopi, ne è esempio il “clickbait” o “acchiappaclic”, una tecnica che mira a portare più clic alla pagina web collegata e quindi più entrate pubblicitarie.

Non resta che prestare la massima attenzione quando si leggono notizie in internet e social media ricordando che il senso critico deve sempre prevalere e guidare il giudizio degli utenti.