Il governo studia nuove regole per frenare la quarta ondata Covid. Restrizioni per i non vaccinati fino al 15 gennaio 2022

Sanità e Salute

Il super Green pass sarà introdotto in Italia a partire dal prossimo 6 dicembre. È la stretta definitiva per i non vaccinati, che non potranno più accedere ai luoghi della socialità che, invece saranno riservati ai soli vaccinati o guariti da meno di 6 mesi.

Il decreto approvato all’unanimità prevede due green pass. Un “super green pass”, per le persone vaccinate o guarite, ed un altro “base”, rilasciato a chi si sottopone a tampone molecolare o antigenico.                        Il green pass “rafforzato” ha una validità di nove mesi a partire dall’ultima somministrazione di vaccino o dal certificato di avvenuta guarigione. Il green pass «base» ha validità 72 ore se rilasciato con tampone molecolare negativo, 48 ore se rilasciato con tampone antigenico negativo.

Dal 6 Dicembre i vaccinati e i guariti saranno i soli a poter accedere ai luoghi di socializzazione quali cinema, teatri, bar e ristoranti al chiuso, eventi sportivi (quindi anche stadi e palazzetti) e cerimonie pubbliche.

L’obbligo di indossare la mascherina all’aperto scatterà per tutti, vaccinati e non, a partire dalla zone gialla, in zona bianca l’obbligo rimane solo per i posti a chiuso.

Restano valide le divisioni regionali per fasce di colore. Non scatteranno più le restrizioni nelle regioni in zona gialla o arancione, ma gli accessi alle attività saranno limitati ai soli possessori del super Green pass.  Le restrizioni aggiuntive tra fascia arancione e gialla varranno quindi solo per chi non può esibire il certificato “rafforzato”. Non cambiano le regole in zona rossa, quindi le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, anche se vaccinati.

A partire dalla zona bianca il green pass «rafforzato» consentirà l’accesso in tutti i locali pubblici al chiuso. Il decreto contiene la lista dei luoghi dove, in zona bianca, possono accedere soltanto le persone vaccinate o guarite.

In zona bianca a gialla l’accesso a palestre, piscine, circoli sportivi al chiuso e impianti sciistici sarà consentito solo con il green pass “base”; in zona arancione l’accesso agli stessi luoghi è consentito solo ai possessori di “super green pass”.

Dal 15 Dicembre scatterà l’obbligo di terza dose o richiamo per il personale sanitario, mentre dalla stessa data il vaccino diventerà obbligatorio anche per docenti, personale amministrativo delle scuole, militari e forze di polizia.

Per andare al lavoro basterà esibire il green pass “base”, mentre per accedere alla mensa servirà il “super” green pass. I controlli dovranno essere effettuati preferibilmente all’ingresso e potranno essere svolti a campione. Previste sanzioni amministrative e sospensioni in caso di irregolarità.

Per viaggiare sui treni dell’Alta velocità e sugli aerei basta avere il green pass «base», ma il nuovo decreto introduce lo stesso obbligo anche per Intercity, treni dei pendolari, autobus, pullman e metropolitane.

Sugli aerei il controllo deve essere effettuato al momento dell’imbarco con verifica di corrispondenza tra il titolare del biglietto e del green pass. Negli aeroporti è prevista la misurazione della temperatura.

Rimane però da risolvere il problema dei controlli. Sarà una circolare del ministero dei Traporti a dover stabilire le modalità di verifica.

Al momento non sono state previste restrizioni ulteriori per chi arriva dall’estero ma il governo sta valutando misure di controllo alle frontiere per chi proviene dai Paesi dove alto è il numero di contagi.